Mogadiscio, 28 Ottobre 2019: Lancio del Segretariato sulle “Durable Solutions”

Mogadiscio, 28 ottobre 2019.

Il governo federale della Somalia ha lanciato il Segretariato interministeriale “Durable Solutions” per trovare soluzioni sostenibili agli sfollamenti interni in Somalia.

Il Segretariato, composto da 14 istituzioni governative, è stato lanciato dal Vice Primo Ministro H.E. Mahdi Mohamed Guled in occasione di un evento organizzato dal Ministro H.E Gamal Mohamed Hassan, e ha visto la partecipazione di Ministeri del governo federale, IGAD, Donatori, Agenzie ONU e ONG internazionali.

Per affrontare lo sfollamento interno è necessario andare oltre le risposte puramente umanitarie e sviluppare un approccio integrato alla prevenzione e stabilizzazione dei conflitti, alla costruzione della resilienza, alla gestione del rischio di catastrofi e alla pianificazione dello sviluppo a lungo termine.

Il governo federale della Somalia si è impegnato a trovare soluzioni durature per i suoi cittadini, e questa è una priorità nazionale affermata nel nono piano di sviluppo nazionale e nelle road map del governo. L’istituzione di questo segretariato interministeriale di alto livello per le soluzioni durevoli costituisce anche una testimonianza dell’impegno del governo verso soluzioni sostenibili a lungo termine.

Il governo federale ha apprezzato la continua forte collaborazione con la comunità internazionale e auspica che il segretariato possa garantire un uso sostenibile ed efficiente delle risorse, e che le istituzioni governative, sia a livello federale che a livello regionale, assumano ruoli specifici che siano in linea con le priorità del governo.

l’Italia, rappresentata da questa sede AICS, ha ricordato come da tempo sia precipua volontà sostenere interventi che rappresentino soluzioni durature, come testimonia il supporto dato all’UNHCR fin dal 2015, quando tale organismo, per primo in Somalia, aveva proposto un programma inter agenzie su tale tematica. L’Italia apprezza la creazione di questo nuovo meccanismo interministeriale del Governo Federale nel perseguimento degli propri impegni, così come stabiliti nel Piano di Sviluppo Nazionale 2020 – 2024 (NDP9).

L’Italia riconosce inoltre il valore aggiunto che il Segretariato potrà avere nel coordinamento di politiche, strategie e programmi relativi alle soluzioni durevoli per le comunità sfollate in Somalia afferenti a ben 14 istituzioni governative. Nondimeno, nonostante l’importante impegno testimoniato dal Governo Federale Somalo nella creazione di tale meccanismo istituzionale, ulteriori sforzi dovranno essere compiuti nel chiarire i ruoli e le responsabilità dei diversi attori governativi nonché’ per garantire un approccio olistico alle politiche del governo.

L’Italia, intervenendo poi a nome dei donatori impegnati nel settore umanitario, ha sottolineato da un lato l’importanza degli sforzi compiuti a livello locale dalle Municipalità, attori in prima linea nella risposta all’emergenza di sfollati e comunità ospitanti, dall’altro, la necessità di evitare le evizioni forzate che sfortunatamente continuano ad un ritmo costante e che arrecano danno a soluzioni durature che, per essere tali, devono essere condivise. A tale scopo, ci si aspetta quanto prima l’adozione e l’implementazione della politica nazionale sulle evizioni forzate, così come previsto dal “Mutual Accountability Framework (MAF)” approvato durante l’ultimo Somalia Partnership Forum (SPF).

 

Posted in .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *